Seguici su Facebook  Seguici su Twitter  Seguici su Linkedin  Seguici su Youtube  Seguici su Google Maps  Feed RSS Educazione Continua in Medicina, Corsi ECM  Magazine Educazione Continua in Medicina, Corsi ECM  Scrivici
      
Codice ECM 192679
NR. CREDITI
8
04/05/2017 :: in programmazione
La riabilitazione delle demenze: un approccio globale e relazionale
Destinatari
Vedi Note
Sede
Sala Conferenze Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri
Programma


ISCRIZIONI CHIUSE

Negli ultimi anni si è assistito ad un invecchiamento progressivo della popolazione mondiale, correlato con un aumento delle malattie neurodegenerative. Al significativo incremento demografico, infatti, corrisponde l’incremento dell’età media della popolazione. Ma l’aumento della prospettiva di vita ha messo in evidenza le problematiche di salute della popolazione anziana. Di fatto, proprio a causa di questa maggiore longevità, sono aumentate alcune patologie, come quelle cardiovascolari, quelle metaboliche e soprattutto le malattie neurodegenerative come la demenza. Il tutto conduce ad un aumento indiscusso della popolazione anziana malata e non autosufficiente, in sostanza ad un vero e proprio allarme socio-sanitario. Tradizionalmente, le demenze sono state curate con un approccio farmacologico. Quest’ultimo aveva le seguenti finalità: ridurre l’infiammazione dei neuroni, aumentare la quantità di acetilcolina (neurotrasmettitore implicato nei processi della memoria) nello spazio intersinaptico, ridurre l’accumulo della proteina beta-amiloide, che determina la morte neuronale, ecc.. Tuttavia, le ultime evidenze scientifiche hanno attestato che il solo intervento farmacologico non sia sufficiente ad attenuare le sofferenze di questi pazienti, che possono invece trarre maggior giovamento da un approccio multicomponenziale. Si è dimostrato, infatti, che intervenire su più fronti (farmacologico, psicologico, riabilitativo) su queste patologie può aiutare meglio il paziente a tenere sotto controllo i disturbi cognitivi e, al tempo stesso, rinforzare le sue risorse residue, in modo tale da mantenere, nonostante la malattia, una dignitosa qualità della vita. Il ricorso ad interventi di riabilitazione, inoltre, è fonte di benessere sia per il paziente che per il caregiver, poiché tali programmi mirano a migliorare la capacità dell’individuo di percepire ed elaborare gli stimoli ambientali con ricadute evidenti sul suo livello di interazione con oggetti e persone del suo contesto di vita. L’obiettivo è ottenere un miglioramento non solo dello stato mentale, ma anche dell’umore e del comportamento. Obiettivo primario del lavoro riabilitativo è, infatti, quello di migliorare la qualità della vita ed il benessere della persona. Non è vero che non si può comunicare col malato di demenza, al contrario, è possibile farlo durante tutta la durata della malattia. La comunicazione col malato è parte integrante della cura, contribuisce a migliorare la sua qualità di vita, ad evitare o ridurre molti disturbi comportamentali, a dare dignità alla persona e a chi le sta vicino. L’obiettivo del corso è quello di offrire, a chi opera a contatto questi pazienti, strumenti alternativi per entrare in comunicazione con loro, anche quando quelli più convenzionali non possono più essere impiegati. Dopo una prima parte introduttiva sulla classificazione e sulla diagnosi delle demenze, si entrerà poi nel vivo del lavoro affrontando le problematiche di ordine psicologico relativo alla patologia, per poi passare alla descrizione delle varie tecniche riabilitative, da quelle più tradizionali a quelle più innovative, fino alla presentazione di alcuni interventi di tipo corporeo ed espressivo. Ciò che si vuole trasmettere è l’importanza di un approccio basato sulla centralità della persona, poiché, se non è possibile guarire la malattia, è certamente possibile entrare in relazione con questi pazienti, aiutandoli a lenire le loro sofferenze quotidiane ed a ritrovare dignità e gusto nella propria vita.


Note
Il corso, cod. ECM 185593, è accreditato per MEDICI CHIRURGHI (tutte le specializzazioni) PSICOLOGI, INFERMIERI, ODONTOIATRI, FISIOTERAPISTI, LOGOPEDISTI, TERAPISTI OCCUPAZIONALI, TERAPISTI DELLA NEURO E PSICOMOTRICITÀ DELL'ETÀ EVOLUTIVA, EDUCATORI PROFESSIONALI per un numero di 100 partecipanti.
L’iscrizione è gratuita e da diritto all’accesso ai lavori scientifici, kit congressuale, colazione di lavoro e attestato ECM.
La consegna dell’attestato ECM, che avverrà a conclusione dei lavori, è subordinata all’effettiva partecipazione all’intero programma formativo ed al superamento della verifica dell’apprendimento.
Partecipanti
max 100
Costo
Vedi Note
Calendario

04/05/2017 ore 8:30-17:30
Commenti